Villas Sorrento Coast

PRAIANO

PRAIANO

Praiano deve l'origine del suo nome probabilmente dal latino "Pelagianum" ovvero "mare aperto".
Appunto Il nome di antica origine di Praiano "Palagianum", suggerisce una certa continuita' diretta dall'Antica Roma, quando nel primo secolo d.C. la Costiera Amalfitana era la localita' preferita di ricchissimi liberti e di imperatori romani i quali sceglievano la nostra costa per edificare imponenti e sontuose ville per la loro residenza, ma la storia purtroppo e' stata un po' avara con il paese custodendo i suoi tesori, infatti, a differenza della vicina Positano con i suoi numerosi ritrovamenti, ed altre rovine e ville sparse in tutta la Costiera, a Praiano tutto fa presagire su di un affascinante passato senza pero' svelarne i segreti. Ancora oggi è possibile ammirare la bella torre detta "Assiola" o "Sciola"che risale addirittura al 1278, e fu fatta erigere da Carlo D'Angio e nella stessa localita' esisteva un attracco per le navi, detto "scarricaturo", cioe' luogo dove le navi caricavano e scaricavano le loro merci. Gli antichi abitanti di Praiano erano attivi ed industriosi, si lavorava il lino, si confezionava il cosiddetto "filo torto", le famose retine per i capelli che fornivano tutta la Costiera, a valle si confezionavano le alici in salamoia che venivano anche esportate, si confezionavano decorazioni per feste ed inoltre si pescava il corallo; attivita' difficile e rischiosa che richiedeva una forte tempra, fiato e forza fisica per immergersi in apnea, ma che rendeva abbastanza e che si tramandava da generazione a generazione, e tra tali praticanti ed altre genti di mare correva l'abitudine di portare un orecchino all'orecchio sinistro, questa antica tradizione sembra, sia stata copiata ai saraceni e che per tradizione richiama antichi canti e preghiere alla "Mamma Schiavona". La pratica della pesca al corallo ha prosperato a Praiano per ben cinque secoli fino a 1800 circa. Il popolo praianese aveva un gran senso della collettivita' che si fece notare nel 1735 contribuendo alla ricostruzione della antica Chiesa ed Abbazzia di Santa Maria ad Castro, successivamente ristrutturata, sempre con l'aiuto dei cittadini nel 1975. Tale complesso monastico si erge sulla Vallata del Campo e dalla sua posizione guarda tutta Praiano e la costa, per il suo panorama tra i piu' belli della Costiera Amalfitana attualmente non mancano i visitatori, i quali sono accolti benevolmente dai Frati. Per raggiungere l'Abbazzia bisogna percorrere un tortuoso sentiero che attraversa l'intera Vallata della Fontanella. Secondo un antica leggenda la Chiesa fu fatta erigere in seguito ad un evento miracoloso; un immagine dipinta della Beata Vergine delle Grazie sull'intonaco di una muraglia. Secondo un documento con data del 1848 Il dipinto "miracoloso" fu scoperto da una donna di Cerasuolo che portava al pascolo le sue mucche. Praiano ha due chiese madri; la Cappella di S. Luca, conserva un ricco interno a tre navi, un grande busto argenteo, raffigurante S. Luca, e i quadri opera del pennello di Padovano di Montorio e Giovan Bernardo Lama, originario di Praiano. Da tener presente il singolare simulacro della Vergine Maria rappresentata in vesti settecentesche da pastorella. Il panorama che si gode dalla chiesetta di S. Maria di Costantinopoli e' davvero stupendo. A Vettica la chiesa parrocchiale, consacrata a San Gennaro e ricostruita nel 1589, con preziose opere pittoriche del pennello di Giovan Bernardo Lama, vanta una magnifica cupola interamente rivestita di piastrelle policrome, e dall'ampio sagrato una meravigliosa vista sul mare. Attualmente il "Cuore della Costiera Amalfitana" come viene definito Praiano, e' un tranquillo paese che offre eccellenti servizi turistici e di ristorazione, alla spiaggia della Praia ogni mattina sbarcano pescatori che offrono il loro pescato a chiunque desideri gustare i "veri" prodotti di mare, infatti l'attivita' della pesca, a differenza di quasi tutti gli altri paesi della Costiera Amalfitana, rimane una tradizione costante ed immutata nel corso dei secoli. Il pescato viene poi rivenduto ad i vari ristoranti della zona dove si possono degustare tali prodotti secondo ricette anch'esse di antica tradizione; da non perdere, per il turista in visita sulla costiera, una capatina in uno dei numerosi ristoranti e trattorie della localita' turistica. Per soggiornare qui puoi usufruire di alcune strutture ricettive (Appartamento Blue Moon, Appartamento Praia, Appartamento Rosa, Appartamento Seaside). Inoltre, forse unica nel mondo per la sua storia e bellezza, una "Mitica" ed ormai "leggendaria" Discoteca: il "Night Club L'Africana". La discoteca praticamente e' adattata ad una suggestiva e particolare caverna sotterranea sospesa sul mare, tra cunicoli e stalattiti numerosi autentici trofei ed oggetti di vario genere di origine africana, danno un tocco di selvaggio mistero. La discoteca nacque da un idea di Luca Milano, proprietario della stupenda grotta, che decise di adattare tale suggestiva bellezza della natura ad una "balera". Nel 1962 Luca conobbe la famosa ballerina Margot Fonteyn, esperta di musica etnica e di arte africana, i due si innamorarono e da questo connubio di amore, passione per la musica e gusti esotici il locale ebbe il dono di una grossa notorieta'. Successivamente i due si lasciarono in seguito a controversie, ma "Lui" continuo' seguendo la strada ormai tracciata, e tutte le estati, i fortunati visitatori del locale potevano proiettarsi davvero in un altra dimensione, tra musiche etniche, spettacoli, esibizioni e balletti da cabaret. Il Night Club L'Africana poteva permettersi il lusso di essere unico ed originale. Luca e' scomparso tragicamente il 6 maggio 2005 nello stesso locale cui ha dedicato una vita, e con lui si porta via un epoca...ma per i fortunati che potranno visitare ancora il locale forse tra balli e musiche si potranno ancora scorgere i volti sorridenti di personaggi come Jhon Kennedy, Frank Sinatra, Giuliana la "Regina d'Olanda", Rudolph Nureyev e di tanti altri personaggi noti, avventurieri e innamorati che lanciando un fiore nel magico pozzo al centro della pista hanno sognato di amori estivi e notti stellate, tra la brezza di melodie gioiose, ritmi selvaggi e sensazioni stregate...

 

DA VISITARE

- Chiesa di San Luca Evangelista : dedicata al Santo protettore di Praiano dallo stile barocco. Il pavimento è in maiolica di fine ‘700. All'interno dell'edificio sono conservate diverse statue in legno e in argento tra cui il busto reliquario di San Luca e apprezzabili dipinti della scuola napoletana.

- Marina di Praia : bella spiaggia situata alla fine di un vallone e incastonata tra alti costoni rocciosi. Protetta dal promontorio di Capo Sottile e vigilata da una antica torre questa spiaggia è stato l'approdo dell'antica Praiano e da qui partono le barche per le escursioni verso i punti più suggestivi della costa e verso le grotte di Suppraiano e dell'Africana.

- Grotta di Suppraiano : spettacolare antro naturale con stalattiti e giochi d'acqua. La grotta è raggiungibile via mare.

- Grotta dell'Africana : suggestiva cavità naturale nei pressi del famoso night club Africana ricavato in vicine fenditure della roccia.

- Chiesa di San Gennaro : edificio sacro situato a Vettica Maggiore, frazione del comune di Praiano, ultimata nel 1602 d.C. su una precedente chiesa. La sua cupola è maiolicata e all'interno sono conservati pregevoli quadri.

- Torre di Grado : torre appartenente all'antica catena di torri di avvistamento che vigilavano sull'arrivo dei saraceni.

- Spiaggia della Gavitella : la particolarità di questa spiaggia, che la differenzia dalle altre spiagge della Costiera Amalfitana. Il bagnante è deliziato dalla vista di Capri e di Positano e con una piacevole nuotata può raggiungere la spiaggia delle Praie oppure tuffarsi nella Fontana dell'altare, un invaso naturale situato in una grotta.

- Edicole votive : piccole cappelle costruite dagli abitanti di Praiano un po' ovunque sul territorio comunale. Ornate da maioliche o affreschi mostrano la profonda religiosità di questi luoghi.

- Chiesa di Santa Maria a Castro : appartenente al convento di San Domenico situata sul monte S. Angelo a tre Pizzi e perfettamente inserito nell'ambiente circostante. Domina dall'altro il vallone sottostante e gode di una splendida vista verso Positano, Capri e Vettica Maggiore.

- Sentieri : l'impervio territorio di Praiano è attraversato da diversi sentieri o scalinate che portano il turista in posti molto suggestivi con panorami impagabili vero paradiso per gli amanti del trekking. L'assenza di comode strade ha salvaguardato la bellezza e la tipicità di luoghi altrimenti esposti all'aggressione di un turismo non sempre attento.

 

EVENTI

 - La luminaria di San Domenico : dal 1 al 4 agosto di ogni anno presso la chiesa di Santa Maria a Castro i praianesi decorano il sagrato con 2000 candele ogni sera. Anche le finestre e le terrazze di Praiano vengono illuminate dalle candele in omaggio alla tradizione che celebra il sogno fatto dalla madre di San Domenico prima di partorire che vide un cane che incendiava il mondo grazie ad una fiaccola, metafora del futuro santo che portò la Buona Novella in tutto il mondo.


Picures from PRAIANO
Bookmark and Share
Links Endesia Web Design

Mobile: +39 339 33 23 477
Telephone/Fax: +39 081 877 2921
UK Toll Free: 0044 0161 4080 525
USA & Canada Toll Free: 001 213 814 2715
Australia Toll Free: 0061 0280 060 102
Skype: booksorrentovillas E-mail: info@booksorrentovillas.com