Villas Sorrento Coast

CETARA

CETARA

Cetara, paese di pescatori, il cui nome infatti deriverebbe dal latino cetaria "tonnara" o da cetari "venditori di pesci grossi" i tonni appunto. Le origini di questo borgo marinaro risalgono forse all'Alto Medioevo. L'insediamento marinaro dovette costituirsi nella seconda metà del IX secolo, quando si stabilì in quella località una colonia di Saraceni, cacciati poi verso la fine di quel secolo. Nel 1030 i cetaresi pagavano lo ius piscariae all'arcivescovo di Amalfi, mentre nel 1120 il duca Guglielmo assegnava al monastero benedettino di Erchie il diritto alla riscossione della decima che si pagava per l'attività della pesca nel mare di Cetara. Verso il 988 era già in funzione la chiesa di S. Pietro Apostolo, intorno alla quale cominciò a svilupparsi l'insediamento sul mare e sulle colline laterali. Cetara era protetta a nord dal monte Falerzio, mentre a sud, dalla parte del mare aveva un muro di cinta lungo il quale sorgevano edifici turriti e fortificati; la difesa del litorale cetarese fu ulteriormente potenziata nel XVI secolo mediante la costruzione di una torre vicereale oggi simbolo caratteristico del paese (La Torretta). I cetaresi, come tutti gli abitanti del ducato di Amalfi, partecipavano alle attività marittime e commerciali del piccolo Stato costiero. In quel tempo, inoltre, i migliori pescatori della Costa risultavano essere proprio i cetaresi, il cui mare era molto pescoso infatti ricco di specie come tonni, palamidi e sgombri. Per la loro pesca si organizzava la tonnara che consisteva in una parete di reti massicce di canapa e sparto, sostenute a galla da una gran quantità di sugheri e fermate nel fondo con mazzere legate a grosse gomene e ancore.
I cetaresi contribuirono così allo sviluppo economico del ducato di Amalfi, partecipando alle attività marittime e commerciali di questo stato.

 

DA VISITARE

- La Roccaforte : la Torre che attraversa il vallone dell'Albore continua quasi rettilinea per raggiungere l'antica conca di Cetara avvolta dal monte Falerzio, in parte verdeggiante e rigoglioso di agrumi ed in parte rado e selvaggio. Ultimo possedimento e confine dell'antico Ducato e diocesi amalfitana della banda orientale della costiera, fu roccaforte dei Saraceni nell'842 e nell'879 al tempo dell'assedio di Salerno. I Turchi, per difendersi da simili attacchi, costruirono la Torre vicereale, attualmente adibita ad abitazione privata e nell'anno 2003 ricomprata dal comune.

 

 EVENTI

- Sagra del tonno : ogni anno, il mese di Luglio, si rinnova l'appuntamento con la sagra del tonno e degli altri prodotti tipici locali. Rappresenta un'ottima occasione per degustare piatti a base di pesce.

 

 

DA GUSTARE

- Colatura di alici di Cetara : è un Presidio Slow Food. E' il nobile discendente del Garum romano, usato dal grande cuoco imperiale Apicio per preparare i suoi banchetti. Oggi questo alimento è utilizzato nelle cucine di grandi chef.

 


Picures from CETARA
Bookmark and Share
Links Endesia Web Design

Mobile: +39 339 33 23 477
Telephone/Fax: +39 081 877 2921
UK Toll Free: 0044 0161 4080 525
USA & Canada Toll Free: 001 213 814 2715
Australia Toll Free: 0061 0280 060 102
Skype: booksorrentovillas E-mail: info@booksorrentovillas.com